Cause

Capire le cause dell'incontinenza

Bisogna chiarire che l'incontinenza è la perdita involontaria di urina, in tempi e luoghi inappropriati, di tale grado da costituire un problema igienico e sociale evidente.

Per questo è importante rassicurare la persona di cui ti prendi cura che non deve farsi una colpa per il suo disturbo, in quanto è una conseguenza o un sintomo di una patologia sottostante. Capire le cause mediche consentirà di rimuovere qualsiasi sentimento di responsabilità personale.

Come funziona l'apparato urinario

I reni hanno il compito di depurare il sangue filtrando tutte le sostanze non necessarie che vengono convogliate nella vescica, un sacco muscolare in grado di contenere fino a mezzo litro di urina. Quando la vescica si riempie per metà vengono stimolati alcuni recettori nervosi che segnalano al cervello la necessità di urinare. L'urina defluisce quindi attraverso l'uretra che è mantenuta chiusa da due muscoli sfinterici. Quando la vescica è piena, lo sfintere interno si apre, mentre è possibile mantenere volontariamente contratto quello esterno per controllare la minzione. È compito dei muscoli del pavimento pelvico, che si trovano sotto alla vescica e attorno all'uretra, provvedere al corretto funzionamento degli sfinteri. Nell'arco della propria vita 1 donna su 4 e 1 uomo su 8 subisce un'interruzione di questo processo.